• 346 70 69 204
  • Sede operativa: Via Tiburtina 1231 - 00131 - Roma

Sede operativa: Via Tiburtina 1231 - 00131 - Roma Sede legale: Largo Mario Massai, 3 - 00159 - Roma

Green Pass Rafforzato02 DIC

Green Pass Rafforzato: tutto quello che c’è da sapere

Covid, dall’estensione obbligo vaccinale al Green Pass Rafforzato, le nuove regole varate dal Governo, introdotte dal Decreto n. 48 del 24 novembre 2021, cosiddetto aggiornamento Green Pass, che introduce misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali.

Cos’è il Green Pass Rafforzato?

Dal 6 dicembre entra in vigore il Green Pass rafforzato valido solo per vaccinati o guariti dal Covid-19, una misura che consentirà la prosecuzione di tutte le attività produttive anche in caso di nuove restrizioni. In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green Pass rafforzato. Il vecchio green pass (ormai depotenziato), che sarà generato soltanto con un tampone negativo, sarà necessario, per servirsi del trasporto ferroviario regionale e del trasporto pubblico locale, per soggiornare in albergo e dovrà essere esibito per accedere agli spogliatoi per lo svolgimento di attività sportiva anche all’aperto.

Green Pass rafforzato cosa cambia

Nello specifico il testo sviluppa su quattro ambiti le misure di contenimento:

1.OBBLIGO VACCINALE

Il provvedimento prevede l’estensione dell’obbligo vaccinale alla terza dose ai soggetti per i quali la legge già prevedeva l’obbligo di vaccinazione. L’estensione ha validità a decorrere dal 15 dicembre prossimo ed esclude la possibilità di essere adibiti a mansioni diverse.

2. ESTENSIONE DELL’OBBLIGO VACCINALE A NUOVE CATEGORIE

Si stabilisce l’estensione dell’obbligo vaccinale a ulteriori categorie, sempre a decorrere dal 15 dicembre:

  • personale amministrativo della sanità;
  • docenti e personale amministrativo della scuola;
  • militari;
  • forze di polizia, compresa la polizia penitenziaria, personale del soccorso pubblico.

3. DURATA DEL GREEN PASS

Il Green Pass avrà una durata di 9 mesi (ridotta rispetto agli attuali 12 mesi). Inoltre, l’obbligo di Green Pass viene esteso a ulteriori settori:

  • alberghi;
  • spogliatoi per l’attività sportiva;
  • servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale;
  • servizi di trasporto pubblico locale.

4. ISTITUZIONE DEL GREEN PASS RAFFORZATO

A decorrere dal 6 dicembre 2021, il Green Pass si sdoppia: viene introdotto il Green Pass rafforzato, rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite, e il Green Pass “base”, rilasciato a chi si sottopone a un tampone molecolare (valido per 72 ore) o antigenico (valido per 48 ore). Il Green Pass rafforzato, a partire dal 6 dicembre 2021 fino al 15 gennaio 2022, vale già in zona bianca ed è necessario per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla e arancione:

  • Spettacoli;
  • Eventi sportivi con spettatori;
  • Ristorazione al chiuso;
  • Feste e discoteche;
  • Cerimonie pubbliche.

5. RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI E CAMPAGNE PROMOZIONALI SULLA VACCINAZIONE

Sarà disposto un rafforzamento dei controlli da parte delle prefetture che dovranno prevedere un piano provinciale per l’effettuazione di costanti controlli con produzione di relazione settimanale da inviare al Ministero dell’interno.

Come controllare il GREEN PASS Rafforzato?

Non cambierà il Qr Code, e sarà disponibile un nuovo sistema di lettura scaricando l’aggiornamento dell’APP VerificaC19, da utilizzare nelle situazioni in cui è richiesto il super pass, che riconoscerà come validi solo i certificati rilasciati ai vaccinati e ai guariti.

Cosa cambia per l’App VerificaC19

Una volta scaricato l’aggiornamento, per utilizzare l’App VerificaC19 e scansionare il Qr Code, basterà scegliere la tipologia di verifica: quella di base per il tampone o quella rafforzata per la vaccinazione o guarigione dal Covid. Per controllare l’attendibilità di un super green pass si dovrà quindi optare per la “verifica rafforzata”, mentre per controllare il green pass standard si dovrà optare per la “verifica base”. A quel punto non resta che scansionare il Qr code e attendere il responso: se la certificazione è valida compare “Certificazione valida in Italia e in Europa”, se non si è in regola con il pass compare la scritta “Certificazione non valida”.

Tags:
© 2018-2019 HSE - HealthSafetyEnvironment